Freddo e cellulite: come usarlo per ridurre gli inestetismi?

Oggi vogliamo parlarvi di un nuovo trattamento che sta, letteralmente, spopolando tra le star e che sfrutta il freddo localizzato per liberarci dagli accumuli di grasso localizzato e dalla cellulite: no, non stiamo parlando della criolipolisi (di cui vi abbiamo parlato qui) ma di una nuova e rivoluzionaria tecnica, non invasiva, e molto efficace, specialmente quando ci troviamo di fronte a situazioni ostinate che non riusciamo a debellare con dieta o attività fisica.

Il principio di funzionamento è molto simile a quello della criolipolisi dove, tramite un manipolo appoggiato sulla zona da trattare, si va a raffreddare l’adipe inducendo un effetto di apoptosi cellulare che, nell’arco delle settimane successive, sarà responsabile dell’eliminazione permanente degli adipociti tramite il nostro sistema linfatico.

Questa tecnologia promette di essere più efficace e più confortevole rispetto alla (già comoda ed efficace) criolipolisi, trattandosi di una sua evoluzione, e sarà addirittura possibile rilassarsi leggendo un buon libro o ascoltando della bella musica durante tutta la durata del trattamento (totalmente indolore).

La valutazione pre-trattamento è sempre fondamentale per definire quale sia il manipolo più adatto e quale dovrà essere la durata del trattamento: per questo è utile eseguire un’analisi termografica della cellulite che permette di identificare e classificare il problema in uno dei suoi quattro stadi (assente, edematosa, fibrosa, sclerotica).

La termografia a contatto si basa sull’utilizzo di lastre termografiche a cristalli liquidi che, dopo essere state appoggiate sulla zona da analizzare riflettono, tramite immagine a colori ad alta risoluzione, la reale composizione dei tessuti sottostanti permettendo di rilevare cellulite ed adiposità localizzate anche quando ancora non visibili ad occhio nudo o riscontrabili alla palpazione.

L’esame è facile, veloce e non invasivo: proprio per questo è ottimo per ripetere più volte le misurazioni tenendo traccia della reale efficacia del trattamento, seduta dopo seduta.

Una volta effettuate le valutazioni e deciso il numero di sedute e la rispettiva durata, ci si potrà rilassare lasciando che il macchinario lavori per noi. Al termine, potremo notare solo un lieve rossore nella zona dove era applicato il manipolo e sarà possibile tornare subito alle normali attività quotidiane.

Il trattamento è disponibile nei migliori centri medico-estetici e prevede che la valutazione e l’applicazione del manipolo venga sempre fatta da un medico.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.