Cellulite: qual è il primo passo da effettuare per combatterla?

Cellulite: qual è il primo passo da effettuare per combatterla?

La cellulite è un problema che colpisce un numero elevatissimo di donne (si stima, addirittura, che ne colpisca 9 su 10); non si tratta solo di un problema estetico ma è una vera e propria patologia che coinvolge sia la circolazione che l’infiammazione dei tessuti.

Le cause del suo sviluppo sono varie; tra le più note possiamo citare gli estrogeni (ormoni femminili che si caratterizzano per la loro capacità di trattenere i liquidi), uno stile di vita sregolato, una dieta errata (ad esempio ricca di grassi e sale) e abitudini malsane.

Questo porta un aumento del volume degli adipociti che comprimono i vasi sanguigni e le arterie, compromettendo la circolazione e portando, così, ad un progressivo abbassamento della temperatura corporea delle gambe con successiva stasi, che origina il  tipico effetto a buccia di arancia.

Le soluzioni sono varie: abbiamo già visto sia approcci estetici che medico estetici, oltre ad una serie di trattamenti cosmetici ma, per poter scegliere il trattamento più adatto è opportuno partire dalla base, ovvero un’analisi che permetta di conoscere lo stadio della cellulite che, nella sua condizione iniziale, è ancora invisibile ad occhio nudo.

Per stabilire la tipologia di cellulite, lo stadio a cui si trova (assente, cellulite edematosa, cellulite fibrosa, cellulite sclerotica) ed il trattamento più adatto è indispensabile effettuare un esame chiamato “termografia a contatto”: una metodologia che permette un’analisi molto accurata del tessuto sottocutaneo (pensate che permette di evidenziare la presenza del disturbo anche quando non ancora visibile ad occhio nudo o riscontrabile alla palpazione).

Si tratta di un esame non invasivo, semplice e veloce basato sull’utilizzo di lastre a cristalli liquidi microincapsulati che, una volta appoggiate sulla cute, permettono di illustrare (tramite immagini a colori, ad alta definizione), in pochi secondi,   la situazione dei tessuti sottostanti.

Data la non invasività dell’esame, è possibile ripeterlo più volte (anche dopo ogni trattamento, per vedere se è realmente efficace per il nostro organismo o se è necessario cambiare tipologia di approccio).

L’analisi termografica della cellulite è disponibile nei migliori centri estetici,  presso istituti di medicina estetica, nutrizionisti, farmacie e nelle migliori palestre.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.