analisi termografica

Quando ci troviamo in una condizione di sovrappeso può essere relativamente semplice dimagrire prestando attenzione all’alimentazione ed allo stile di vita in generale, meglio poi se supportati da un nutrizionista che può seguirci durante questa fase. Molto più difficile, però, eliminare il grasso viscerale che si...

L’adiposità addominale è un problema estetico, e funzionale, che colpisce una buona fetta della popolazione, siano essi uomini o donne, indistintamente dalla loro età. Si tratta di un accumulo di tessuto adiposo che va a depositarsi lungo i fianchi (le famose maniglie dell’amore) e nella zona...

Il bendaggio è uno dei trattamenti non invasivi più praticati e più richiesti nei centri estetici per contrastare gli inestetismi della cellulite (la classica pelle a buccia d’arancia) e migliorare i problemi circolatori come le stasi del microcircolo veno-linfatico, i capillari evidenti e la ritenzione idrica.

La carbossiterapia è un trattamento “vecchio” che, nonostante la sua età (nato negli anni 30, in Francia, inizialmente per contrastare i disturbi vascolari) è ancora attuale nonché uno tra i più efficaci nella riduzione degli inestetismi della cellulite.

Fare i conti con la cellulite e le adiposità localizzate che, nel corso degli anni, si annidano su fianchi e cosce è spesso un problema… specialmente quando ci avviamo verso la primavera ed iniziamo a scoprirci sempre di più. Stiamo parlando di due disturbi che affliggono...

Le adiposità localizzate, conosciute anche con il nome di grasso viscerale, sono degli accumuli adiposi che vanno a concentrarsi in determinate zone del nostro corpo come fianchi, addome, glutei, polpacci o cosce e che si differenziano dal grasso sottocutaneo (concentrato nell’ipoderma) e da quello intramuscolare (distribuito tra le fibre muscolari).

Il grasso viscerale, oltre ad essere un problema di salute (rappresenta, infatti, uno dei primari fattori di rischio di ictus e malattie cardiovascolari), è anche un evidente inestetismo che, spesso, si manifesta con adiposità localizzate in specifiche zone del nostro corpo come addome, glutei, polpacci, fianchi e braccia.

Le ferie, si sa, ci hanno messo a dura prova dovendoci spogliare dei nostri abiti quotidiani (che ci aiutavano a coprire qualche inestetismo) in favore del costume e, molto probabilmente, ci saremo sentite in difficoltà davanti ad altre donne con fisici curati e senza i classici segni della cellulite.

La pannicolopatia edematofibroscletorica, meglio conosciuta con il termine di cellulite, è un inestetismo che colpisce 8 donne su 10, sia dal punto di vista fisico (con visibili alterazioni estetiche a livello di gambe, fianchi e glutei) che dal punto di vista mentale (portando ad un abbassamento dell’autostima abbinato alla paura di mostrare queste zone del corpo).

L’estate è ormai arrivata e con lei il caldo e le tante ore di esposizione al sole che possono causare disidratazione, ritenzione idrica e gonfiore nelle gambe: questo può aggravare anche il problema degli inestetismi della cellulite e renderli ancora più visibili. Ma perché questo fenomeno...