Adiposità addominale: alimentazione e trattamenti efficaci

L’adiposità localizzata è un problema estetico, e funzionale, che colpisce una buona fetta della popolazione, siano essi uomini o donne, indistintamente dalla loro età.

La formazione dell’adiposità localizzata è influenzata da una molteplicità di fattori che concorrono l’uno con l’altro per dare origine al disturbo. Nel dettaglio, il grasso localizzato varia a seconda del sesso, dell’età e dipende da vari fattori come percentuale di grasso corporeo, geni, quantità di attività fisica praticata e sensibilità nei confronti di alcuni ormoni.

Premesso che la migliore arma contro l’adiposità localizzata è la prevenzione, vista la gravità del problema, è necessario attuare soluzioni mirate e decise.  In tutti i casi, si parte sempre da un’analisi dell’adiposità localizza mediante l’utilizzo di termografia a contatto, una speciale tecnologia, basata sull’utilizzo di lastre a cristalli liquidi microincapsulati, che permette di identificare gli strati di grasso sottocutaneo mostrandoli tramite immagini a colori ad alta risoluzione: in questo modo è possibile distinguere l’adiposità morbida da quella indurita per impostare il trattamento più corretto.

Trattandosi di un esame non invasivo e privo di controindicazioni, è possibile effettuarlo più volte nel corso del tempo per visualizzare tutti i progressi del trattamento.

Ci sono, poi, una serie di regole sull’alimentazione di cui è sempre bene tener conto per favorire il dimagrimento e per vivere meglio nel pieno rispetto del proprio corpo. Ricordiamo, ad esempio, di limitare il consumo di bibite zuccherate e gassate, di alcolici, di grassi saturi e di acidi grassi trans (margarina, burro di arachidi).

Una volta effettuata questa analisi. e stabilito la corretta dieta con la nutrizionista, è possibile affidarsi al proprio estetista o medico di fiducia per trattamenti come:

  • criolipolisi: disponibile sia in versione estetica che medico estetica, si basa sul principio del congelamento, ovvero portare la zona trattata a temperature prossime allo zero. In questo modo, si attiva un processo di apoptosi cellulare che porta alla morte delle cellule adipose che verranno poi espulse tramite sistema linfatico;
  • laserlipolisi: una liposuzione non invasiva basata sull’utilizzo di un laser ad alta frequenza che va a sciogliere, in modo selettivo e tramite il calore sprigionato dal laser, le cellule adipose. Questo trattamento è indicato anche per le lassità cutanee;
  • cavitazione ultrasonica: mediante l’utilizzo di ultrasuoni, si va a far implodere le cellule adipose, disgregandole in modo graduale ed indolore, per poi espellerle mediante il sistema linfatico.

Sono tutti trattamenti efficaci e poco invasivi che permettono, sin da subito, il ritorno alle normali attività di tutti i giorni. Per tutti e tre, è caldamente consigliata una corretta idratazione per il periodo successivo, in modo da favorire lo smaltimento di tutte le tossine accumulate.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.